Microsoft House
Indietro
07 Ottobre 2017
10:00 17:30

Pubblicato ottobre 07, 2017 da Microsoft House

Brera Design Days

Dopo il successo della prima edizione dal 6 al 12 ottobre, tornano i Brera Design Days: un ciclo di incontri, mostre e workshop sul tema "Progetto e innovazione tra digitale e territorio”.

L'evento ha per obiettivo la divulgazione della cultura del progetto, in un secondo momento nell'anno in cui il design torna protagonista a Milano. Brera Design District intende coinvolgere diversi attori: showroom, istituzioni, aziende e partner, in un progetto diffuso che per sette giorni celebra Brera come punto di riferimento per il design milanese con l'obiettivo di confermare Milano, capitale mondiale del design.

Headquarter dei Brera Design Days sarà la Microsoft House di viale Pasubio 21, dal 6 all'8 ottobre, e continuerà nei giorni successivi, fino al 12 ottobre, nelle location e showroom distribuiti in tutto il distretto di Brera. Il festival sarà un momento inclusivo per la cittadinanza con talks, presentazioni e laboratori aperti al pubblico ma anche produttivo per studenti e aziende che si incontreranno per sviluppare idee e condividere conoscenza.

10:30 11:00

IoT is the new Black

IoT è uno dei tanti termini con cui chiamiamo l’evoluzione dei prodotti che ci circondano. Da sempre il design ha avuto un forte impatto sulla quotidianità, delineando nuove modalità e consuetudini. Cosa sta cambiando con gli oggetti connessi? Come si progettano e si producono? Lorenzo Ruggieri illustra il panorama dell’IoT, aprendo la discussione che si terrà per tutto l’arco della mattinata

11:10 11:50

Dialogo intorno all’IoT: esperienze e visioni di alcuni tra i più influenti professionisti del settore

Speaker: Francesco Zurro professore disegno industriale al Politecnico di Milano, Roberto Siagri CEO Eurotech, Giorgio Gentilini di H Farm , Fabio Moioli Direttore Servizi e Consulting Microsft Italia modera Michele Capuani Professore Politenico

Il mondo del design si sta evolvendo, grazie alla crescente complessità dei prodotti, ci sono nuovi ambiti in cui la creatività si può esprimere. Il prodotto è sempre più parte di un eco sistema tecnologico e di business che richiede competenze differenti, e che devono essere formate, gestite e che devono imparare a collaborare. Discutiamo con alcuni influenti professionisti delle evoluzioni che il mondo del design e dell’IoT stanno generando.

14:30 15:00

Mixed Reality: progettare tra reale e digitale

Non è il futuro, è oggi ed è utilizzabile da chiunque, dunque cos’è la Mixed Reality? Attraverso una spettacolare demo Marcello Marchetti, il Technical Evangelism Director di Microsoft Italia, ci svelerà le potenzialità di Hololens nell’ambito della progettazione e della collaborazione a distanza.

15:00 16:00

Progettare l’Empatia

Ricordi quanto ti sei emozionato alla nona puntata della terza stagione? Quanti altri utenti hanno vissuto quella precisa sensazione? I produttori avevano forse pianificato che accadesse, esattamente in quel minuto? E quell’esperienza di servizio così soddisfacente, come se l’avessi progettata tu stesso? In un presente completamente digitalizzato e un futuro dominato dalle intelligenze artificiali l’Empatia sarà sempre di più una risorsa scarsa e come tale costituirà un fattore critico di successo per prodotti e servizi. Le preferenze degli utenti andranno verso quei brand e quei progettisti che saranno in grado di programmare reazioni empatiche, una competenza sempre più necessaria per tante professionalità differenti: designer di prodotto, di servizio, architetti, progettisti web, professionisti della comunicazione. Ci muoviamo verso una “economia dell’empatia” dove i brand saranno scelti in base al livello di empatia che generano e non in base a quello che sanno realmente fare. Ma è davvero possibile stimolare a tavolino i neuroni specchio? Come si progettano sensazioni tanto dedicate e personali

16:00 16:30

Forma Fluens

Fluens rivela al pubblico una raccolta di disegni generati dalla sovrapposizione del lavoro di oltre 50 milioni di autori. Ogni disegno è leggermente diverso, “ogni occhio vede diversamente” come disse il pittore inglese William Blake, ma tutti insieme si auto correggono. Gli angoli si smussano ed emerge un’immagine iconografica dell’oggetto rappresentato. 50 milioni di persone disegnano come una sola che si pente 50 milioni di volte, ottenendo un effetto dinamico e incompiuto. Da questa collezione di disegni “crowd-generated” si scopre come l’umanità crei alcune forme allo stesso modo, qualunque sia la nazione e l’eta degli autori.

16:30 17:30

La società della trasparenza e l’empatia digitale

Nella società della trasparenza tutto è operazione, le azioni diventano standardizzate, misurabili, controllate. Appiattite, attraverso le tecnologie digitali, le interazioni tra individui perdono lo scarto di senso che il processo di comunicazione impone: l’indignazione da tastiera, l’affetto in un clic, i rapporti umani in alta definizione, dove il touch è quello dello screen. Quale spazio resta all’empatia quando le piattaforme di socialità e l’automazione dei sentimenti guidano l’agire contemporaneo? L’interattività dei dispositivi chiede di muovere le dita ma allo stesso tempo affonda l’attenzione nelle preferenze effimere, nella comoda personalizzazione. Dove ritrovare la fatica di mettersi nei panni dell’altro?


Altri eventi in programma